Dieta per pancreatite pancreatica

la necessità di seguire una dieta per la pancreatite

Il pancreas fa parte del tratto gastrointestinale e allo stesso tempo è la ghiandola a secrezione mista. Risponde all'ingresso del cibo nel sistema digestivo umano producendo enzimi che vengono secreti nel duodeno e aiutano la scomposizione del cibo nell'intestino. D'altra parte, la ghiandola produce gli ormoni insulina e glucagone, che vengono rilasciati nel flusso sanguigno e mantengono normali livelli di glucosio nel sangue.

Che cos'è la pancreatite e le sue forme

La pancreatite è un'infiammazione del pancreas, in cui il tessuto della ghiandola si infiamma, interrompendo il processo di produzione e l'ingresso degli enzimi necessari nell'intestino. La ghiandola infiammata aumenta di dimensioni, i suoi condotti interni si restringono, il che impedisce ai succhi digestivi di passare nel duodeno. Gli enzimi che persistono nella ghiandola iniziano, per così dire, ad abbattere la ghiandola stessa, il che porta a tristi conseguenze.

Esiste una forma acuta di pancreatite, che è provocata da una violazione della dieta o da malattie infiammatorie nel corpo e non dura a lungo con un trattamento adeguato. Se l'azione dei fattori irritanti è prolungata o frequente, si verifica una pancreatite cronica, che può svilupparsi dopo un processo acuto.

Viene utilizzato un approccio completo al trattamento della pancreatite e una dieta speciale svolge un ruolo importante, senza la quale l'efficacia del trattamento è estremamente bassa.

Principi della dieta per la pancreatite

principi generali di nutrizione per la pancreatite

I principi della dieta per la pancreatite acuta sono che i primi 3 giorni sono generalmente raccomandati per osservare la fame. Durante questo periodo, la nutrizione necessaria viene fornita mediante infusione endovenosa senza irritazione intestinale. Il cibo che entra nell'intestino porta sempre ad un aumento della produzione di enzimi digestivi e, nell'infiammazione acuta, è importante ridurre il più possibile questa attività, dopo alcuni giorni la dieta viene gradualmente ampliata. All'inizio, solo l'acqua normale, a volte l'acqua minerale è consentita senza gas, preferibilmente alcalino, tè debole.

Quindi, per la pancreatite cronica dal giorno 3 e per la pancreatite acuta dopo il giorno 5, vengono utilizzate le seguenti disposizioni:

  • la frequenza della nutrizione almeno 5 volte al giorno per il rilascio uniforme di enzimi senza un carico pronunciato e per ridurre l'infiammazione;
  • la quantità di grassi e carboidrati diminuisce il più possibile verso un aumento dei prodotti proteici;
  • il volume di cibo in una volta non è superiore a 150-200 ml;
  • usa cibi caldi a 20-60 gradi, tritati o frullati;
  • mastica bene il cibo e prenditi il ​​tuo tempo;
  • non bere durante i pasti, limitare il sale a 4-5 grammi al giorno;
  • esclude gli alimenti che causano flatulenza;
  • ai fini del risparmio chimico, non dovresti usare spezie e condimenti caldi;
  • usa solo cibi cotti o al forno senza ingredienti fritti, affumicati o in scatola.

Caratteristiche della dieta per la pancreatite

caratteristiche dietetiche per la pancreatite

È importante ricordare che la dieta per la pancreatite pancreatica deve essere osservata costantemente, altrimenti il ​​corpo reagirà con ripetute infiammazioni e le conseguenze saranno negative. Nella pancreatite acuta, la condizione è molto grave e la morte non è esclusa.

Sullo sfondo di un aumento della proporzione di prodotti proteici nella dieta, la maggior parte di essi dovrebbe essere costituita da animali sotto forma di tacchino, pollo o manzo giovane. I carboidrati dovrebbero essere poco più di 300 grammi al giorno con la restrizione di zucchero o marmellata ordinaria, grassi in quantità minima, prodotti proteici costituiscono più della metà della dieta.

Alimenti consentiti e proibiti nella dieta per la pancreatite gastrica

Ci sono molti cibi consentiti nella dieta per la pancreatite gastrica, quindi la dieta può essere variata il più possibile:

  • coniglio bollito o al forno, vitello e pollame (magro), lingua bollita;
  • pesce magro come nasello o merluzzo, bollito, al forno o sotto forma di soufflé;
  • i cereali sono diversi, preferibilmente riso o farina d'avena come parte di cereali, zuppe o casseruole;
  • pane dopo l'essiccazione in forno, prodotti da forno con biscotti, pasta cotta;
  • prodotti a base di latte e acido lattico diluiti a basso contenuto di grassi sotto forma di aggiunta ai prodotti principali o casseruola di cagliata, formaggio dietetico e ricotta di latte scremato;
  • verdure bollite o al forno - patate e zucca, barbabietole o carote, zucca fresca;
  • uova (solo proteine) sotto forma di omelette o casseruole, olio vegetale con moderazione;
  • frutta, matura non zuccherata o cotta al forno, gelatina o purea di bacche;
  • bevande deboli, succhi diluiti, bevande alla frutta di rosa canina.
cosa può e non può essere mangiato con la pancreatite

I seguenti alimenti sono vietati in una dieta per la pancreatite esacerbata:

  • carne fritta o alla griglia, tutte frattaglie; carne di agnello o oca, pancetta e carne affumicata, spezzatino in scatola;
  • Piatti marinati in salamoia, ricchi brodi di pesce o cibo in scatola;
  • piatti cucinati a base di legumi e ricchi brodi;
  • pane fresco, pasticcini, torte fritte;
  • panna acida grassa naturale, panna, grandi quantità di latte non zuccherato;
  • Aglio, funghi, ravanelli sono severamente vietati (limitare rape e verdure fresche);
  • tuorli d'uovo e burro naturale fresco;
  • molta frutta dolce fresca, cavoli e acetosa;
  • caffè, tè forte, limonate concentrate e qualsiasi bevanda gassata, alcol di qualsiasi forza o energia;
  • gelato, torte alla crema di burro, cioccolato, qualsiasi torta;
  • spezie piccanti, marinate, salsicce e carni affumicate.

Controindicazioni dietetiche per la pancreatite

Tenendo conto delle peculiarità della dieta per la pancreatite gastrica, ci sono controindicazioni.

Riguardano pazienti con malattie renali o metabolismo proteico:

controindicazioni dietetiche per la pancreatite
  • con pielonefrite o glomerulonefrite con scompenso del processo;
  • pazienti con urolitiasi;
  • nell'insufficienza renale acuta o cronica;
  • in caso di gotta e disturbi del metabolismo basico delle purine;
  • in presenza di mieloma multiplo;
  • con squilibrio ormonale o problemi alla tiroide;
  • con malattie di fondo precancerose, poiché un eccesso di proteine ​​è pericoloso per la neoplasia;
  • con grave obesità o diabete mellito, soprattutto con nefropatia diabetica, cioè danno renale.

A causa dell'aumento della quantità di prodotti proteici nella dieta, il carico sui reni aumenta e in presenza di malattie croniche, il loro lavoro viene interrotto.

Dieta per pancreatite: menu della settimana

Considera un esempio di menu dietetico per una settimana nella pancreatite acuta o cronica.

Lunedì

  1. Colazione.Porridge in acqua da grano saraceno macinato, petto di pollo bollito. Budino di ricotta, tè debole.
  2. Pranzo.Purea di frutta montata in un frullatore, biscotti biscottati.
  3. Pranzo.Zuppa di purea di semole di riso, cotolette di vitello al vapore, gelatina di albicocche.
  4. Snack.Casseruola di carote con tè.
  5. Cena.Pasta di pesce con farina d'avena. Composta di mele.
  6. Prima di andare a letto.Succo di ribes.

Martedì

  1. Colazione.Purè di patate con purè di manzo. Biscotti, tè alla frutta.
  2. Pranzo.Frittata di proteine, purea di carote.
  3. Pranzo. Zuppa di grano saraceno macinato con polpette di coniglio. Casseruola di zucchine, tè debole.
  4. Snack.Insalata di purè di barbabietole, succo di frutta con pangrattato.
  5. Cena.Cotolette di tacchino al vapore con porridge di riso frullato. Kissel dalle mele.
  6. Prima di andare a letto.Bevanda alla frutta alla rosa canina.

Mercoledì

  1. Colazione.Porridge di farina d'avena senza zucchero. Casseruola di carote con tè.
  2. Pranzo.Mele al forno con crostini di pane e succo di albicocca.
  3. Pranzo.Zuppa di pesce al nasello, purè di patate con panna acida. Gelatina di pere con crostini di pane.
  4. Snack.Casseruola di zucchine con tè e biscotti.
  5. Cena.Cotolette di coniglio al vapore con purea di farina di grano saraceno. Composta di ribes.
  6. Prima di andare a letto.Un bicchiere di kefir.

Giovedì

  1. Colazione.Budino di riso con manzo bollito. Tè con biscotti.
  2. Pranzo.Insalata di barbabietole bollite con yogurt e biscotti.
  3. Pranzo.Zuppa su un brodo di pollo debole con grano saraceno. Polpette di verdure, gelatina di frutta.
  4. Snack.Ricotta con panna acida scremata, tè con marshmallow.
  5. Cena.Casseruola di verdure con pollock. Composta di frutta secca.
  6. Prima di andare a letto.Bevanda alla frutta alla mela.

Venerdì

  1. Colazione.Porridge di farina d'avena tritata con cotolette di manzo al vapore. Tè al budino di frutta.
  2. Pranzo.Polpette di pesce al vapore, gelatina di mele.
  3. Pranzo.Zuppa di coniglio con carne bollita. Casseruola di zucca con panna acida, tè senza zucchero.
  4. Snack.Frittata di proteine ​​con succo di mela.
  5. Cena.Rotolo con carne di tacchino e spezzatino di verdure. Tè con biscotti.
  6. Prima di andare a letto.Latte cotto fermentato a basso contenuto di grassi.

Sabato

  1. Colazione.Pasta bollita con patè di pollo. Tè non zuccherato.
  2. Pranzo.Porridge di zucca con yogurt non zuccherato.
  3. Pranzo.Zuppa di purea di zucca e vitello. Spezzatino di zucchine e gelatina di mirtilli rossi.
  4. Snack.Purea di mele, una tazza di kefir.
  5. Cena.Gallette di pesce al vapore con farina d'avena. Tè con biscotti.
  6. Prima di andare a letto.Composta di albicocche.

Domenica

  1. Colazione.Casseruola con carne di manzo e verdure. Ryazhenka con i biscotti.
  2. Pranzo.Budino di ricotta e purea di frutta.
  3. Pranzo.Zuppa di purea di zucca e patate. Polpette di pollo con farina d'avena. Composta di frutta fresca.
  4. Snack.Budino di carote con tè non zuccherato.
  5. Cena.Casseruola di naselli e zucchine. Gelatina di mela.
  6. Prima di andare a letto.Latte fresco cotto al forno.

Durante la stesura dei menu e la preparazione dei cibi è necessario ricordare che il cibo deve essere fresco e che i metodi di preparazione devono essere bollenti o al forno. Non è desiderabile combinare diverse proteine ​​contemporaneamente e si consigliano piccole porzioni per ridurre il carico sul pancreas.

Dieta per la pancreatite: recensioni dei nutrizionisti

come mangiare bene con la pancreatite

Le recensioni dei nutrizionisti sulla dieta per la pancreatite sono le seguenti. I suoi dettagli principali sono volti a ridurre il carico nutrizionale sulla ghiandola e ridurre la produzione di succo digestivo, che supporta l'infiammazione. Oltre a questi effetti, una tale dieta previene le malattie del fegato e delle vie biliari, poiché normalizza la frequenza della secrezione biliare nell'intestino. Tuttavia, sullo sfondo delle restrizioni, si dovrebbe ricordare una quantità sufficiente di vitamine nella dieta per evitare la carenza di vitamine.

Con la mancanza dei propri enzimi nel corpo del paziente, l'assorbimento dei nutrienti dal cibo diminuisce. Per correggere l'assorbimento dei nutrienti, vengono utilizzati farmaci contenenti gli enzimi necessari in forme granulari o incapsulate. Speciali capsule medicinali promuovono l'azione degli enzimi in un punto specifico del sistema digerente per ottenere il massimo effetto.

Nella pancreatite acuta è importante tritare al massimo il cibo, ma nella pancreatite cronica, per mantenere il lavoro fisiologico del tratto digerente, gli alimenti non devono essere tritati finemente o cancellati dai cibi già pronti, sebbene il trattamento termico dovrebbe essere senza frittura o grigliatura. Più equilibrata è la dieta, meno probabili sono gli esiti negativi. Nella pancreatite acuta, la dieta deve essere seguita per almeno 2-3 mesi; nella malattia cronica, è desiderabile per la vita.